Pasta con cavolfiore romanesco di Bioexpress

Ricetta di: Blog di graziamareemonti

Ingredienti

 

per 4 persone:

  • 400 gr di paccheri (oppure pasta che preferite)
  • 400 gr di cimette di cavolfiore romanesco (pesati puliti)
  • 6 cucchiai di olio extravergine
  • 2 spicchi d’aglio
  • 3 peperoncini rossi freschi (se gradite meno piccante basterà 1)
  • 3 cucchiai di grana padano
  • 2 cucchiai di pecorino romano
  • 2 cucchiai di mandorle affettate + qualcuna per decorare il piatto
  • qualche foglia di menta (facoltativo)

Lavate il cavolfiore romanesco e pulitelo ricavando esclusivamente le cimette (le punte verdi), pesatene 400 gr e affettatele  in pezzettini ancora più piccoli e più o meno simili, in modo da favorire una cottura omogenea.

In una padella capiente e antiaderente, ponete gli spicchi d’aglio sbucciati e leggermente schiacciati con 2 cucchiai di olio e i peperoncini (asciutti, nè umidi nè bagnati, altrimenti schizzeranno per aria una volta a contatto con l’olio bollente).

Lasciate soffriggere aglio e peperoncini fino a doratura (meno di 1′)

Aggiungete in padella le cimette di cavolfiore romanesco :

girate e lasciate rosolare a fiamma vivace per 2′ in modo che i broccoli si insaporiscano bene. Aggiungete un paio di mestoli di acqua bollente , coprite con un coperchio e lasciate cuocere i broccoli per 5′ – 6′ a fuoco moderato.

Girate di tanto in tanto. I cavolfiori devono risultare morbidi ai rebbi di una forchetta ma non troppo e devono comunque conservare, anche una volta cotti, il colore verde.

Terminata la cottura, trasferite i cavolfiori in un pentolino a bordi alti, buttate via gli spicchi d’aglio e ponete da parte i peperoncini rossi (che se gradite, potete affettare e servire come guarnizione nel piatto finale) :

Con l’aiuto di un minipimer ad immersione, frullate i cavolfiori. Il composto risulterà piuttosto denso, aggiungete 1 mestolo di acqua calda e continuate a frullare, il composto piano piano diventerà più vellutato e meno compatto.

Aggiungete il grana,  il pecorino e le mandorle,  frullate ancora, il composto sarà diventato di nuovo denso, aggiungete ancora 1 mestolo di acqua calda, frullate e inserite uno alla volta i cucchiai di olio restanti :

girate bene, affinchè l’olio venga perfettamente assorbito al composto.

A questo punto la crema di cavolfiore romanesco, dovrebbe aver raggiunto la consistenza perfetta, ad ogni modo se dovesse risultare ancora un pò densa, potete aggiungere ancora 1 o 2 cucchiai di acqua calda.

Rimettete la crema nella padella e ponete da parte.

In una pentola capiente mettete a bollire abbondate acqua e sale. Quando arriva a bollore, aggiungete la pasta che avete scelto, cuocete al dente e scolate.

Poco prima di scolare  la pasta, ponete su fiamma bassa la padella con la crema di cavolfiore romanesco, lasciate scaldare.

Aggiungete la pasta nella crema di cavolfiori, saltate a fiamma vivace, girate bene, affinchè il condimento si amalgami perfettamente alla pasta.. io sinceramente ho preferito riempire i Paccheri pieni di crema e poi versarla pure sopra.

Aggiungete in superficie qualche pezzetto di peperoncino che avete messo precedentemente da parte può andare bene anche quello in polvere (se lo gradite),  una manciata di lamelle di mandorle e qualche foglia di menta (facoltativo).

La vostra pasta con crema di cavolfiore romanesco é pronta per essere servita e gustata.


Scrigni di pasta sfoglia con broccoli (o cavolfiore romanesco) e patate

Ricetta di: I viaggi di Ciopilla

Ingredienti

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • 1 broccolo (cavolo broccolo o cavolfiore romanesco) media dimensione
  • 3 patate a pasta gialla
  • 1 porro
  • 2 spicchi d'aglio
  • 1 cucchiaino di paprica dolce
  • sale e olio evo 
  • 1 rosso d'uovo

Procedimento

  • prima di procedere alla composizione degli scrigni, lavate, pulite e tagliate a pezzetti sia le patate che il cavolo broccolo andando a sbollentarli in acqua leggermente salata
  • Lasciate raffreddare una volta cotta la verdura e procedete alla preparazione della pasta sfoglia. A differenza di altre food blogger io preferisco acquistarla per una serie di motivi che è facile da indovinare: è più facile e più veloce ben sapendo la certezza del risultato. Stendetela per una decina di minuti prima di procedere a dividere l'impasto in quattro rettangoli più piccoli e procedete facendo dei piccoli tagli dagli angoli per formare successivamente delle ali di chiusura dello scrigno
  • In una padella antiaderente saltate per pochi minuti insieme all'aglio e al porro tagliato grossolanamente la verdura e un pizzico di sale a piacere. 
  • Preriscaldare il forno a 180°
  • Poniamo un paio di cucchiai al centro di ogni singolo triangolino di pasta sfoglia e chiudiamo ogni lato cercando di lasciare un piccolo buchino al centro che servirà per buttare fuori l'umidità durante la cottura.
  • Spennelliamo con il rosso dell'uovo leggermente sbattuto e informiamo per una ventina di minuti o fino a quando non viene dorato lo scrigno